WALTER ERRA HUBERT

WALTER ERRA HUBERT

Studies from the breathing in the void series

Dal 31 marzo al 23 aprile 2017

 

Lu.C.C.A. Lounge & Underground

Walter Erra Hubert è consapevole che la pittura può prescindere dalla mimesi della natura e che può attingere una propria forza espressiva attraverso un confronto continuo tra forma, spazio, colore, luce e superficie. 
Il suo desiderio non è legato alla percezione originale della superficie delle cose, ma alla ricerca del non visibile: un’analisi nell’oltre dove le energie dell’universo e i respiri della materia lo accompagnano in un viaggio verso il segreto del Tutto. Gli elementi delle sue composizioni, privi di riferimenti spazio-temporali, trovano la loro posizione in un “vuoto” che non corrisponde a un semplice palinsesto, ma a una luce soprannaturale in grado di coagulare segni, colore e materia viva. 
Ne scaturiscono visioni sintetiche, cerebrali e consapevoli, profonde e concrete che ci riportano ad atmosfere primordiali: quasi ingrandimenti macroscopici di forme vitali che, da una parte si rifanno all’Informale di Jean Dubuffet e Jean Fautrier, dall’altra alludono a un legame personalissimo con la realtà che, probabilmente, diventa ancora più intenso in relazione alla sua volontà di percepirne l’essenza. 
Nella “Nascita della tragedia”, Nietzsche indaga per la prima volta la verità interiore come pura illusione. Secondo il filosofo tedesco, l’arte ci consente di non morire di verità. Quelle di Erra Hubert sono composizioni che scorrono all’interno dei propri confini e focalizzano immagini attraverso particolari cromie che scandiscono la materia in una liquida e luminosa trasparenza magnetica che evoca la realtà proprio interagendo con quello spazio. I suoi studi non sono bozzetti o prove, ma corrispondono alle tessere di un mosaico che rende visibile il non visibile: proprio nell’invisibile ognuno può trovare la propria libertà.

 

In collaborazione con: ViD'A - Villicana D'Annibale, Inc.